• Mer. Feb 21st, 2024

30-31 OTTOBRE 2021 – A ROMA IL VERTICE DEL G-20

Ott 25, 2021

Quest’anno la Presidenza del G-20 è stata affidata all’Italia il cui vertice – a conclusione di tutta una serie di incontri che si sono tenuti in varie città italiane – si terrà a Roma nei giorni 30-31 ottobre, presso la struttura congressuale internazionale “La Nuvola”, nel quartiere EUR della Capitale.

Il termine G. 20 indica l’abbreviazione di “Group of 20” (Gruppo dei 20), ossia tutti i capi di stato dei 20 paesi maggiormente industrializzati del mondo, riuniti insieme per trovare un punto  d’accordo che possa determinare la stabilità mondiale, garantendo uno sviluppo economico in continua crescita.

I Paesi che si riuniscono sono, oltre all’Unione Europea: Arabia Saudita, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, India, Indonesia, Francia, Germania, Giappone, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Stati Uniti, Sudafrica, Turchia nonché alcuni invitati occasionali e quelli permanenti: Spagna, Unione Africana.

Il G-20 è stato indetto per la prima volta nel 1999 come riunione informale dei governatori delle banche centrali e dei ministri delle finanze, delle nazioni più sviluppate, per sanare lacune finanziarie derivate in gran parte dalla crisi finanziaria asiatica del 1997 e quella russa del 1998.

In seguito, nel 2008, sotto la presidenza di G.W. Bush, i leader si riunirono nella Casa Bianca per cercare di coordinare la grave recessione che quell’anno colpì molte nazioni a livello mondiale.

Da questo momento le riunioni diventano annuali e si strutturano in veri e propri forum mondiali.

Gli argomenti posti all’attenzione globale, a partire dal 2011, non riguarderanno più solo questioni economiche ma si estenderanno anche a tematiche inerenti la salute, l’energia, il cambiamento climatico, l’uguaglianza di genere.

Il Summit di Roma sarà incentrato su tre principali argomenti: l’emergenza Covid-19, in particolare la questione vaccini nel mondo, la crisi climatica e la ripresa globale post-pandemia. Focus anche sulla questione Afghanistan.