• Mer. Feb 21st, 2024

ALLA SCOPERTA DEI FERMENTI LATTICI E DEI LORO SUPER POTERI

Nov 8, 2021

Con “fermenti lattici” si intendono tutti quei batteri “buoni” che usano come fonte energetica primaria il lattosio e lo trasformano in acido lattico, che viene liberato come “prodotto di scarto” del loro metabolismo. Il gruppo dei “fermenti lattici” comprende principalmente lattobacilli, bifidobatteri, enterococchi, alcuni streptococchi e batteri del genere Bacillus.

Lattobacilli e bifidobatteri sono presenti in abbondanza nella flora batterica intestinale umana.

I “Probiotici” sono una sottocategoria dei fermenti lattici e si distinguono in quanto sono capaci di sopravvivere dall’ingresso del cavo orale fino all’intestino. Arrivati nell’intestino si replicano ed esplicano le innumerevoli attività metaboliche.

“Probiotico” è una parola che deriva da “pro” (a favore di) e “bios” (vita) ed è utilizzata per indicare tutti quei microrganismi in grado di esercitare effetti benefici nell’organismoI probiotici possono ottenere questi effetti benefici attraverso una molteplicità di meccanismi.

  • produzione di vitamine, minerali e altre sostanze utili (per i batteri benefici e/o per tutto l’organismo)
  • riduzione del pH intestinale, attraverso la produzione di acido lattico (in particolare, da parte di lattobacilli e bifidobatteri) e acido acetico
  • rafforzamento della barriera intestinale, con conseguente riduzione della penetrazione di sostanze tossiche e allergeni e riduzione dell’adesione di batteri dannosi
  • competizione per le sostanze nutritive a discapito di batteri patogeni
  • produzione di sostanze in grado di ostacolare la crescita di batteri responsabili dell’insorgenza di una patologia. Ne sono un esempio virus, batteri e funghi.
  • potenziamento delle difese immunitarie intestinali e riduzione dell’infiammazione della mucosa intestinale
  • miglioramento della fase finale della digestione e dell’assorbimento dei nutrienti (vitamine, minerali, zuccheri, grassi ecc.)
  • miglioramento del metabolismo dei grassi e del colesterolo, attraverso la produzione di acidi grassi a catena corta.

 Non sempre i Probiotici però apportano benefici, sono controindicati in caso di:

  • intolleranze e allergie nei confronti dei metalli o minerali contenuti nei prodotti farmaceutici
  • in caso di pancreatite
  • in caso di immunodeficienza
  • disturbi gastrointestinali