• Gio. Feb 29th, 2024

GREEN PASS – COSA CAMBIA A GENNAIO E FEBBRAIO

Gen 21, 2022

A Gennaio, il Green pass base, ossia quello ottenuto con il tampone antigenico o molecolare con esito negativo, sarà obbligatorio per accedere ad alcuni servizi dedicati alla persona.

Dal 20 gennaio tutti i parrucchieri, barbieri e centri estetici devono chiedere ai loro clienti il certificato verde base pena una multa che va dai 400 ai mille euro, sia per coloro che ne sono sprovvisti che per chi dovrebbe effettuare la verifica e invece non lo fa.

Febbraio sarà ancora più restrittivo, a partire dal 1° del mese il green pass base sarà esteso anche per tutti i servizi pubblici o privati: banche, uffici postali, negozi in genere comprese le tabaccherie e le profumerie.

Sono esentati dal richiedere il green pass: alimentari, supermercati, farmacie e parafarmacie, esercizi specializzati in vendita di apparecchi medicali e ortopedici, negozi di prodotti igienico-sanitari (anche deodoranti, bagno schiuma, shampoo), negozi di ottica e rivenditori di pellet o legna per il riscaldamento, negozi di articoli per la cura degli animali), attività commerciali all’aperto (edicole, mercati rionali, commercianti ambulanti,  benzinai) e servizi pubblici quali tribunali per partecipare a un processo e caserme o commissariati, dove poter sporgere denuncia se si è vittime di un reato.

Inoltre, il green pass rilasciato a guariti e vaccinati sarà valido sei mesi e non più nove, trascorsi i quali la certificazione verde viene bloccata.

Invece il Super Green pass che si ottiene solo dopo la vaccinazione o la guarigione dal Covid, sarà obbligatorio per tutti i lavoratori pubblici e privati che hanno 50 anni compiuti.

Ai lavoratori che ai controlli risulteranno sprovvisti del passaporto verde sarà vietato l’ingresso al luogo di lavoro e l’assenza verrà catalogata come “ingiustificata”. Il posto di lavoro verrà preservato ma senza contribuzione fino a quando non verrà presentato il Super Green Pass. Non solo, sono anche previste sanzioni dai 600 ai 1500 euro a chi viola le regole.