• Ven. Apr 12th, 2024

CARTA DI SOGGIORNO: L’ESPERTO RISPONDE

Mar 23, 2022

Mi chiamo Adama, sono un ivoriano che vive a Roma. Sono già titolare di un permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato. Posso richiedere la carta di soggiorno? Grazie”

Buongiorno Adama, il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, chiamato anche carta di soggiorno, è un titolo di soggiorno della durata di 10 anni, che viene concesso agli stranieri in possesso di alcuni particolari requisiti. Innanzitutto è necessario che il richiedente sia già titolare di un permesso di soggiorno concesso per un motivo che consente un numero di rinnovi illimitati (ad esempio per lavoro o per motivi familiari). È necessaria, inoltre, la residenza in Italia da almeno 6 anni. Supponendo che abbia già rinnovato due volte il permesso di soggiorno per motivi di lavoro, dovrà attendere la successiva scadenza prima di poter richiedere il permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo.

Inoltre, deve essere in possesso di: un adeguato reddito, pari ad almeno l’importo dell’assegno sociale. Il minimo reddituale aumenta in proporzione al numero di familiari a carico del richiedente per i quali viene contestualmente richiesta la carta di soggiorno; di un attestato di conoscenza della lingua italiana, ottenuto sottoponendosi ad un esame che viene organizzato dal Ministero dell’Interno oppure attraverso la frequenza di scuole, università o altri istituti di formazione. Dovrà infine produrre il proprio certificato del casellario giudiziale e dei carichi pendenti.

Se si è in possesso di tutti i requisiti, per richiedere la carta di soggiorno è necessario compilare l’apposito KIT in tutte le sue parti, comprese quelle relative al reddito e all’attività lavorativa, e poi spedirlo presso un qualsiasi ufficio postale. Bisognerà allegare, oltre al proprio documento di riconoscimento, anche tutti i documenti necessari per provare l’adeguata capacità reddituale (ad esempio CU, 730, buste paga, bollettini INPS…) e la quietanza di pagamento del bollettino di € 130,46 quale imposta di concessione del permesso di soggiorno elettronico. I figli minori di 14 anni potranno essere inseriti nel kit del richiedente, aggiungendo un ulteriore pagamento di € 30,46. Il coniuge e i figli ultraquattordicenni dovranno invece utilizzare un proprio kit.

Foto di Tima Miroshnichenko da Pexels