• Mer. Feb 21st, 2024

INPS: IL DOSSIER “ATTENZIONE ALLE TRUFFE”

Set 15, 2022

Nel corso degli anni le truffe ai danni degli utenti dell’Inps, e non solo, aumentano sempre di più. Soprattutto in questo periodo, fra crisi economica e pandemia, è opportuno mettere in guardia le persone.

Ci ha pensato l’Inps che ha messo a disposizione degli utenti il dossier “Attenzione alle truffe”.

I malintenzionati agiscono sempre più massivamente, cercando di carpire dati personali e sensibili agli utenti. I mezzi usati sono: mail, sms, telefonate e visite a domicilio.

Nel dossier sono presenti le seguenti informazioni:

  • Truffe online: il phishing
  • I tentativi di truffa a tema Covid19
  • Truffe telefoniche
  • Falsi funzionari INPS
  • Prestiti e pubblicità ingannevole
  • Come INPS contatta gli utenti
  • Consigli utili

E-mail: questa è la modalità più usata. Le e-mail fasulle chiedono di aggiornare i dati personali nonché le coordinate bancarie e invitano a cliccare su un link dove si apre una finta pagina dei servizi Inps;

SMS: messaggini sul telefonino da un falso mittente INPS  che, come nel caso delle e-mail, invita a fornire attraverso un link, dati personali e bancari al fine di ricevere il pagamento di una prestazione (tra i tentativi di truffa c’è quella che si riferisce all’Assegno Unico).

Ci sono casi in cui i malintenzionati si presentano personalmente a casa degli utenti, dicendo che sono dei funzionari Inps. E’ caldamente raccomandato di non aprire mai la porta di casa a questi finti operatori e in genere agli sconosciuti che si presentano a domicilio per vendere servizi o controllare bollette.

L’Inps ricorda che in nessun caso acquisisce telefonicamente o via e-mail ordinaria dati sensibili degli utenti.

L’Istituto di Previdenza Sociale può contattare gli utenti solo attraverso questi canali e modalità:

  • SMS. È importante precisare che questi SMS non contengono link, ma sollecitano un’azione da svolgersi accedendo ai servizi online INPS con le proprie credenziali. Si ribadisce di porre attenzione ai messaggi che invece richiedono l’apertura di un link; questa tipologia di messaggi può costituire un tentativo di truffa online;
  • chiamata telefonica. L’Istituto contatta telefonicamente l’utente solo nei casi di prenotazione dell’accesso agli Sportelli di sede con ricontatto telefonico e in caso di chiamate da operatori di Contact center e da operatori di Sportello mobile per le campagne di contatto verso i cittadini relative alle visite di revisione;
  • lettere in cartaceo;
  • documentazione digitale in Cassetta postale online;
  • avvisi nell’area riservata MYINPS;
  • comunicazioni verso la PEC (Posta elettronica certificata) dell’utente.

Inoltre, tutte le informazioni sulle prestazioni, possono essere consultate esclusivamente accedendo al sito istituzionale INPS.