• Mer. Feb 21st, 2024

AUMENTANO LE EMISSIONI DI CO2

Nov 15, 2022

È probabile che le emissioni globali dei combustibili fossili raggiungano livelli record quest’anno, allontanando ulteriormente le nazioni dall’arrestare il riscaldamento globale.

Secondo i nuovi dati del Global Carbon Project , quest’anno le nazioni emetteranno circa 36,6 miliardi di tonnellate di anidride carbonica che riscalda il pianeta bruciando carbone, gas naturale e petrolio per produrre energia .

Si tratta dell’1% in più rispetto a quello emesso nel mondo nel 2021 e leggermente superiore al record precedente del 2019, che è arrivato prima che la pandemia di coronavirus causasse un temporaneo calo del consumo energetico e delle emissioni globali.

I risultati sono stati diffusi al vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Sharm el Sheikh, in Egitto, dove i leader mondiali si sono riuniti per discutere su come evitare livelli catastrofici di riscaldamento.

Gli scienziati hanno avvertito che il mondo nel suo insieme dovrà smettere di aggiungere anidride carbonica nell’atmosfera intorno alla metà del secolo per stabilizzare le temperature globali e ridurre al minimo i rischi di ondate di calore, innalzamento del livello del mare e collasso dell’ecosistema.

Quella scadenza sta diventando sempre più difficile da rispettare, hanno affermato gli esperti, ogni anno che passa.

Relativamente pochi paesi rappresentano la maggior parte delle emissioni mondiali di combustibili fossili, con la Cina responsabile del 32%, gli Stati Uniti il ​​14%, l’Unione Europea l’8% e l’India l’8%.

Nel resto del mondo, le emissioni di combustibili fossili sono aumentate di circa l’1,7% quest’anno. È probabile che le emissioni del carbone raggiungano livelli record, in parte perché molti paesi stanno passando al combustibile altamente inquinante in risposta all’impennata dei prezzi del gas naturale.

Una grande domanda è se le emissioni di combustibili fossili continueranno ad aumentare negli anni a venire.

Un recente rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia, uno dei principali esperti di previsioni, prevedeva che la domanda globale di combustibili fossili avrebbe probabilmente raggiunto il picco e poi si sarebbe stabilizzata in questo decennio.

Uno dei motivi principali è che molti governi hanno risposto alla guerra in Ucraina attuando politiche più forti per allontanarsi da petrolio, gas e carbone.

L’agenzia ha anche calcolato che l’aumento delle emissioni di combustibili fossili di quest’anno sarebbe stato tre volte più grande se non fosse stato per un rapido dispiegamento di turbine eoliche, pannelli solari e veicoli elettrici in tutto il mondo.

“I nostri numeri mostrano che l’attuale crisi potrebbe essere un punto di svolta nella storia dell’energia”, ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo dell’agenzia.