• Ven. Apr 12th, 2024

ASSEGNO UNICO: QUANDO SCADE IL RINNOVO DELL’ISEE

Gen 25, 2023

Assegno unico: per non perdere gli aumenti previsti dalla finanziaria in vigore occorre rinnovare l’ISEE entro il 28 febbraio 2023.

Se l’ISEE non viene aggiornato si perdono quindi gli aumenti e si incasserà un assegno (erogato dall’Inps) pari ad € 50/00 per ogni figlio, che sarebbe appunto l’importo minimo.

Le famiglie interessate dovranno comunicare se ci sono variazioni nelle informazioni precedentemente inserite nella domanda di Assegno unico trasmessa all’INPS prima del 28 febbraio 2023, come ad esempio: nascita di figli, variazione/inserimento della condizione di disabilità, separazione, variazioni IBAN, maggiore età dei figli.

L’Inps comunica che entro il 28 febbraio, le famiglie interessate devono presentare la Dsu (Dichiarazione Sostitutiva Unica) per il rinnovo dell’Isee.

Il vecchio Ise, come specificato dall’INPS con la  Circolare n° 132 del 15-12-2022 sarà valido per i primi due mesi del 2023: per il riconoscimento automatico dell’assegno unico di gennaio e febbraio 2023, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale si riferirà ai dati acquisiti nelle domande già presentate

Mentre da marzo 2023, chi vuole ottenere l’assegno unico secondo le proprie spettanze e alle maggiorazioni previste, dovrà presentare una nuova attestazione Isee 2023.

Per coloro che non ricevono l’assegno unico in automatico, per coloro che non ne hanno mai fruito e per coloro che non hanno visto accolta la domanda, potranno presentare la richiesta tramite il sito ufficiale dell’Inps (accedendo con SPID, CIE, CNS), attraverso il contact center dedicato oppure potranno contattare il proprio Patronato di fiducia.