• Mer. Feb 21st, 2024

DIVARIO DIGITALE: PIU’ RETE NEI PICCOLI CENTRI

Feb 2, 2023

Poste Italiane ha da poco annunciato il progetto POLIS, partecipando così al Piano Complementare al PNRR.

Il Progetto Polis – Case dei servizi di cittadinanza digitale vuole portare nei piccoli centri e nelle aree interne del territorio italiano il superamento del digital divide, ossia il divario digitale.

In che modo? mettendo a disposizione degli italiani residenti nei 6933 comuni con meno di 15000 abitanti, dotati di almeno un Ufficio Postale, di fruire agevolmente di tutti i servizi pubblici.

Sono settemila i comuni italiani con meno di 15mila abitanti coinvolti nell’iniziativa, che conentirà anche a chi vive nei piccoli centri di richiedere documenti di diverso tipo.

Il rilancio dei territori è quindi l’obiettivo che si pone il progetto, in linea con quanto inserito nel PNRR, favorendo la coesione economica, sociale e territoriale.

Le arre di intervento sono sostanzialmente due:

“Sportello unico”:è costituito da un unico punto di accesso alla piattaforma di servizio multicanale di Poste Italiane, per accompagnare i cittadini verso l’abilitazione e la fruizione dei servizi in modalità digitale.

“Spazi per l’Italia”: prevede la realizzazione di una rete nazionale di spazi per il co-working e la formazione con una presenza capillare sul territorio. Sono previsti quindi postazioni di lavoro, spazi di riunione, servizi condivisi, aree dedicate a eventi e formazione la cui fruizione sarà aperta ai privati, alle aziende e alla pubblica amministrazione, università, centri di ricerca.


Polis è un progetto per raggiungere gli obiettivi che l’Unione Europea, insieme all’Italia, si è prefissata con il piano “Next Generation EU” per una maggiore inclusione e coesione sociale. In Italia il divario digitale è ancora una questione che non facilità il rapporto tra cittadini e pubblica  amministrazione.

Auspichiamo che questo progetto sia efficace per portare, anche nei piccoli centri dell’entroterra, il servizio digitale.