• Mer. Feb 21st, 2024

UN OLTRAGGIO MORIRE SUL LAVORO

Set 1, 2023

Le parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, devono far riflettere le Istituzioni in merito alla sicurezza sul lavoro in Italia.

Nel primo semestre del 2023, son 450 i lavoratori che hanno perso la vita, questo quanto rende noto l’Inail.

Una strage silenziosa che mai dovrebbe accadere, soprattutto al giorno d’oggi, dove con le nuove tecnologie, la prevenzione e i controlli dovrebbero garantire a tutti i lavoratori la massima sicurezza.

Purtroppo non è così e ogni volta si verificano eventi che ci lasciano sgomenti, che fanno piangere intere famiglie che dovrebbero far vergognare per aver permesso che accadessero.

Cosa si sta facendo per garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro? Tante promesse e pochi fatti e soprattutto pochi controlli.

Ma cosa è la sicurezza sul lavoro. Si intende l’insieme delle azioni interne ed esterne all’azienda, mirate a garantire l’incolumità (sicurezza, appunto) dei lavoratori e del personale presente.

Tra le attività la più importante è forse la prevenzione, perché rappresenta una delle colonne portanti della sicurezza e vi rientra con merito essendo un paletto fondamentale per diminuire drasticamente il rischio sul lavoro.

Questa è una battaglia di civiltà e diritti, che non può più essere procrastinata: è necessaria una maggior cultura della sicurezza e della prevenzione.