• Gio. Giu 13th, 2024

SINTOMI E RISARCIMENTO PER CHI RESPIRA ARIA AVVELENATA

L’eco-ansia o ansia climatica è una preoccupazione, paura o ansia cronica, legata al destino ambientale del pianeta per via di gravi eventi climatici.

Nelle persone più giovani e in quelle più sensibili ai temi di riscaldamento globale (cambiamenti climatici, aumento dell’incidenza di disastri naturali, deforestazione, innalzamento del livello del mare, ed eventi meteorologici estremi), l’ansia climatica può manifestarsi con sintomi specifici di stress.

Alcuni fattori sembrano esporre maggiormente ai sintomi dell’eco-ansia, come per esempio: giovane età, ampia esposizione mediatica, impegno attivo nei confronti della crisi ambientale e lavorare nell’ambito della sostenibilità ambientale.

I sintomi dell’eco ansia sono: nervosismo e ansia legati all’impatto dei propri comportamenti sull’ambiente, alla propria responsabilità nell’aiutare ad affrontare i problemi ambientali, a notizie che riguardano il clima e i cambiamenti climatici.

ARIA PULITA: L’AZIONE CHE RISARCISCE CHI RESPIRA ARIA AVVELENATA

Chi risiede in comuni ad alto inquinamento di poveri sottili può richiedere il risarcimento per aver respirato, suo malgrado, aria inquinata.

Milano e a seguire Roma e poi Napoli . La capitale lombarda dove si superano più frequentemente i limiti stabiliti dall’OMS sulla concentrazione delle polveri sottili, si colloca al primo posto per residenti con l’eco-ansia. Tanto che sono state inoltrate ben 100 mila richieste ai legali del gruppo Consulcesi impegnati nell’azione collettiva Aria Pulita.

L’obiettivo dell’azione è di difendere il diritto dei cittadini a vivere in un ambiente salubre e di chiedere un risarcimento per il potenziale danno alla salute derivante dal mancato rispetto dei limiti sulla qualità dell’aria imposti dalla Direttiva Comunitaria n. 2008/50/CE.

In pratica sarebbe anche possibile richiedere, tramite l’iniziativa legale di Consulcesi, un risarcimento per aver respirato, “aria avvelenata”. Il risarcimento totale dei danni dipende dal numero di anni in cui si è vissuto in comuni inquinati.