• Gio. Giu 13th, 2024

IL RICICLO DELLA PLASTICA

Gen 10, 2023

Raccolti e riciclati, i rifiuti in plastica danno vita a nuovi e utili prodotti e favoriscono lo sviluppo di un’economia circolare attenta all’ambiente.

Con il passare dei decenni i rifiuti costituiti da plastica, ed in particolare gli imballaggi, hanno assunto un ruolo di primaria importanza.

Il corretto riciclo della plastica e lo sviluppo di un’economia davvero circolare di questo materiale sono oggi dei temi cruciali nella sfida ambientale. Capiamo meglio come viene riciclata oggi e quali sono i limiti e le nuove frontiere di questo settore.

Vi è la necessità della riduzione del monouso e progettazione di materie plastiche prive di sostanze tossiche.

La plastica è un materiale versatile, igienico e riciclabile impiegato per produrre sia molti oggetti di uso quotidiano che beni altamente tecnologici. I rifiuti  in plastica vengono divisi per polimero, selezionati e avviati al riciclo per essere trasformati in appositi impianti in granuli che, lavorati successivamente, danno vita a nuovi prodotti.

Esistono diversi procedimenti per il riciclo della plastica che permettono di ottenere nuovi prodotti, ma anche energia, calore ed elettricità. Attraverso il riciclaggio meccanico, per esempio, la plastica smaltita viene triturata e trasformata in nuovi prodotti.

La termovalorizzazione, invece, permette di ottenere un recupero energetico attraverso specifici trattamenti di selezione e triturazione, ricavando dalla plastica dei combustibili alternativi utilizzati poi per la produzione di energia termoelettrica o in altri processi industriali.

Un processo ancora in via di sviluppo è invece il riciclaggio chimico che, grazie all’utilizzo di tecnologie innovative, sarebbe invece in grado di trasformare la plastica finora non riciclabile recuperandola anche se degradata, contaminata o complessa.

Il riciclo chimico si sta rivelando un metodo particolarmente importante, perché in grado di sopperire ad alcuni limiti insiti nell’attuale modello di economia circolare della plastica, che esclude alcune tipologie e non può essere ripetuto all’infinito.

Il riciclo chimico, dunque, potrebbe diventare una soluzione complementare a quelle esistenti, per migliorare il ciclo di vita della plastica, come già accade per vetro e alluminio.

Certo è che, in ottica di economia circolare, tutte le opportunità offerte dalle nuove tecniche di riciclo della plastica, dovranno andare di pari passo con una costante spinta verso una riduzione del monouso e, soprattutto, con una progettazione a monte di materie plastiche adatte al riciclo e prive di sostanze tossiche.