• Mer. Giu 26th, 2024

IL TRATTATO DI SCHENGEN: COSA PREVEDE E PERCHE’ E’ STATO SOSPESO

Ott 23, 2023

L’ITALIA HA RIPRISTINATO I CONTROLLI ALLA FRONTIERA

Chi attraversa la frontiera per andare in Austria o Slovenia dovrà esibire il documento d’identità per dimostrare di essere regolarmente residente nell’Unione europea

Questa decisione è stata presa a causa dell’aggravarsi della situazione in Medio Oriente e dell’aumento dei flussi migratori lungo la rotta balcanica.

La misura è prevista per dieci giorni ma potrebbe anche essere prorogata.

L’Italia non è l’unico Paese che ha stabilito di sospendere la convenzione di Schengen. Anche la Slovenia ha ripristinato i controlli nei confini con Croazia e Ungheria. Gli Stati che hanno adottato iniziative simili sono in tutto dodici: oltre a Italia e Slovenia, ci sono Austria, Germania, Francia, Repubblica Ceca, Polonia, Slovacchia, e poi Svezia, Danimarca e Norvegia, che è all’interno dell’area Schengen anche se non è uno Stato membro dell’Unione europea.

Lo Spazio Schengen è un’area di libera circolazione tra paesi europei che hanno abolito i controlli alle frontiere interne.

E’ uno dei risultati più importanti raggiunti dall’Unione europea, perché garantisce uno dei diritti fondamentali dei suoi cittadini: quello di spostarsi, vivere e lavorare in tutti i paesi che ne fanno parte.

Lo spazio Schengen comprende ventisette Stati europei.

Ventitré di questi stati sono membri dell’unione europea, mentre gli altri quattro sono paesi terzi.

L’Italia fa parte dello Spazio Schengen dal 1997.