• Gio. Giu 13th, 2024

LA DESERTIFICAZIONE IN ITALIA AVANZA

Giu 11, 2024

La desertificazione rappresenta una delle sfide ambientali più gravi per l’Italia, con oltre un quinto del territorio nazionale a rischio.

Questo fenomeno è particolarmente critico nelle regioni meridionali come Sardegna, Sicilia, Puglia, Basilicata e Calabria, dove le condizioni ambientali sono meno favorevoli e le attività agricole e pastorali incidono fortemente sull’equilibrio del territorio.

Tuttavia, anche regioni più settentrionali come Campania, Lazio, Toscana ed Emilia Romagna mostrano segnali preoccupanti di vulnerabilità alla desertificazione. Il cambiamento climatico e l’uso insostenibile del suolo, comprese pratiche agricole non sostenibili, contribuiscono all’aggravarsi della situazione.

Per contrastare questo trend, l’Italia ha sviluppato nel 1999 un Piano d’Azione Nazionale per combattere la siccità e la desertificazione, che prevede azioni mirate all’agricoltura, alla gestione forestale, alla pianificazione del territorio, nonché strategie di sensibilizzazione e campagne educative. Inoltre, la protezione delle acque e delle falde acquifere è fondamentale nella lotta contro la desertificazione.

La desertificazione rappresenta una delle sfide ambientali più gravi per l’Italia, con oltre un quinto del territorio nazionale a rischio. Foto di Wolfgang_Hasselmann da Pixabay

Le cause principali della desertificazione in Italia sono molteplici e interconnesse, riflettendo un intreccio di fattori antropici e climatici. L’intervento umano, attraverso la cattiva gestione del suolo, è una delle cause più significative.

Questo include lo sfruttamento intensivo del terreno per l’agricoltura, che spesso si traduce in pratiche non sostenibili come la monocoltura, l’uso eccessivo di prodotti chimici e gli allevamenti intensivi. La deforestazione, che riduce la copertura vegetale e la biodiversità, contribuisce ulteriormente al degrado del suolo. Inoltre, l’urbanizzazione incontrollata e l’espansione delle aree edificate esacerbano la perdita di terreni fertili e la frammentazione degli habitat naturali.

I cambiamenti climatici giocano un ruolo cruciale, con l’aumento delle temperature e l’alterazione dei regimi delle precipitazioni che intensificano i periodi di siccità e riducono la disponibilità di acqua dolce. Questi fenomeni climatici, uniti all’erosione del suolo e allo sfruttamento eccessivo dei bacini acquiferi, sia superficiali che sotterranei, aggravano la vulnerabilità del territorio alla desertificazione. Le tempeste di sabbia e gli incendi, spesso legati a condizioni meteorologiche estreme, possono accelerare il processo di degradazione del suolo.

Per contrastare efficacemente la desertificazione, è fondamentale adottare un approccio integrato che consideri sia la mitigazione dei fattori di rischio sia l’adattamento ai cambiamenti climatici. Le politiche di gestione sostenibile del suolo, la riforestazione, la conservazione dell’acqua e la promozione di pratiche agricole resilienti sono essenziali per preservare la salute dei suoli e garantire la sicurezza alimentare e idrica.

Foto di Jody Davis da Pixabay