• Mer. Feb 21st, 2024

SCUOLA: CARTA, PENNA E DIGITALE

Mar 16, 2023

Non solo banchi a rotelle, con il passare degli anni il mondo della scuola ha subìto una profonda trasformazione.

Solo il progresso delle nuove tecnologie può garantire questa trasformazione. L’istruzione non può ignorare i cambiamenti che sono avvenuti nella società e per questo non può essere da meno.

Siamo favorevoli alle tecnologie nelle scuole, ma è anche importante saperle utilizzare nel modo giusto dando vita a nuove metodologie di insegnamento per stimolare la scoperta, la creatività e la motivazione di studenti e insegnanti.

Ovviamente per ogni cambiamento c’è chi è a favore e chi invece è scettico. Alcuni vorrebbero tornare ad usare solo libri, quaderni e penne, vocabolari e calcolatrici.

Certo per alcuni versi sarebbe bello ma non possiamo fermare il cambiamento. La tecnologia spadroneggia nella vita dei bambini e ragazzi. La scuola quindi deve impegnarsi ad educarli in un uso corretto dei software, siano essi smartphone, pc, o tablet.

Le nuove tecnologie, se usate in modo oculato, non sostituiranno i tradizionali materiali didattici, anzi potranno solo essere delle alleate in più per l’apprendimento.

Oramai quasi tutti i ragazzi sono già dotati di cellulari e PC con internet e applicazioni social, è giusto quindi che i docenti, se non anche le famiglie, insegnino loro ad usarli nel modo adeguato, a riconoscerne i pericoli, a proteggere i propri dati e ad avere un minimo di preparazione per l’ingresso nel mondo del lavoro.

Per questo vero cambiamento però servono sicuramente più fondi. Gli istituti scolastici sono già forniti di strumenti digitali, ma a volte sono obsoleti e occorrono soldi per la manutenzione, soldi che però le scuole non hanno, nemmeno per comprare i gessetti per le lavagne in ardesia.

Prima della rivoluzione digitale si devono risolvere i problemi più semplici altrimenti sarà difficile arrivare ad un vero e proprio cambiamento.