• Sab. Set 30th, 2023

FAO: IL RUOLO DELLA DONNA IN AGRICOLTURA E’ ANCORA EMARGINATO

Apr 17, 2023

Precarietà, disuguaglianza di genere e poca sicurezza, questa ancora la situazione femminile in agricoltura secondo il nuovo rapporto della FAO – Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite.

I ruoli delle donne in agricoltura, sono emarginati e le loro condizioni lavorative sono di sicuro peggiori di quelle degli uomini: irregolari, informali, part-time, poco qualificate o ad alta intensità di manodopera.

Inoltre, le donne impegnate nei lavori agricoli, guadagnano 82 centesimi per ogni dollaro che guadagnano gli uomini. Le donne hanno anche una proprietà terriera meno sicura, un minore accesso al credito e alla formazione e devono lavorare con una tecnologia progettata per gli uomini.

Le disuguaglianze nei sistemi agroalimentari frenano le donne a tutti i livelli e in tutti i ruoli. Le donne non hanno accesso alla formazione, al credito e agli strumenti fondamentali – tra cui terra, fertilizzanti e sistemi di irrigazione – che le rendano capaci e consentano loro di dare un pari contributo.

Il rapporto indica anche che quando le economie si riducono, i posti di lavoro delle donne se ne vanno per primi. A livello globale, il 22% delle donne nei segmenti “fuori dall’azienda agricola” dei sistemi agroalimentari ha perso il lavoro nel primo anno della pandemia di COVID-19 rispetto al 2% degli uomini.

Il Direttore Generale della FAO QU Dongyu nella prefazione del rapporto afferma che: “Se affrontiamo le disuguaglianze di genere endemiche nei sistemi agroalimentari ed emancipiamo le donne, il mondo farà un balzo in avanti per raggiungere gli obiettivi di porre fine alla povertà e creare un mondo libero dalla fame”.

La strada è ancora impervia.