• Lun. Apr 15th, 2024

CITTA’ A MISURA DI DONNA

Ago 4, 2023

Rendere le città più sicure per le donne è un tema importante e attuale, che riguarda sia la parità di genere che la sostenibilità ambientale.

In Europa, Vienna da più di trent’anni è protagonista nella pianificazione urbana affinché la città sia un luogo ospitale e sicuro per tutti, senza disparità di genere.

Tra le buone pratiche di mobilità sostenibile ci sono: l’ampliamento delle fermate dei bus e dei marciapiedi, pensando al passaggio delle carrozzine con i bambini, tutta la rete del trasporto pubblico è accessibile alle sedie a rotelle, gli attraversamenti sono stati resi più sicuri ed è stata migliorata l’illuminazione della città.

La Capitale Austriaca ha imposto delle linee guida per far si che le donne vengano coinvolte nell’ideazione di quartieri nuovi dedicati alle madri single o alle donne con reddito basso.

Ad esempio tra il 1995 e il 1997 è stato costruito proprio a Vienna, la Frauen-Werk-Stadt (Città delle donne lavoratrici), un complesso residenziale considerato uno dei più grandi progetti in Europa che mirava a soddisfare i complessi criteri di sviluppo abitativo e urbano adatto alle donne. Il progetto ha agito da catalizzatore modello per la promozione delle donne nella pianificazione.

Integrati nel complesso sono un asilo, diversi appartamenti per portatori di handicap e anziani, un centro di comunicazione e servizi generali come 650 m² di spazio commerciale, un ambulatorio medico, una farmacia e una stazione di polizia. Le strutture infrastrutturali integrate dovrebbero accorciare le distanze nella vita di tutti i giorni.

Le planimetrie degli appartamenti sono variabili, le cucine hanno la vista sui cortili interni con i campi da gioco, sono stati pensati come luogo di lavoro e di soggiorno e valorizzati essendo in relazione con le altre stanze. Ogni appartamento ha un piccolo giardino privato.

C’è una fermata del tram di fronte al complesso e ci sono diverse scuole nelle vicinanze, entrambi fattori che soddisfano le esigenze di mobilità delle donne.