• Lun. Apr 15th, 2024

IL PUNTO SULL’OLIO PUGLIESE E ITALIANO

Apr 27, 2023

LE PROPOSTE DELLA CONFEURO

La produzione di olio in Italia rappresenta un vanto ed un’incredibile risorsa economica per i nostri territori. La Puglia è la regione dove è attestata la presenza dell’ulivo fin dal neolitico e dove, a differenza di altre regioni, gli uliveti si estendono più in pianura che in collina. Nonostante questo primato però, negli ultimi anni la produzione olearia è in calo, per problematiche legate al clima e timori di natura fitosanitaria che hanno costretto ad accelerare le operazioni di raccolta.

Se guardiamo i numeri diffusi da ISMEA per la produzione olearia nel nostro Paese ci attestiamo attorno alle 235 mila tonnellate, il 28 per cento in meno rispetto alla precedente con un calo del 44% per la regione Puglia. La produzione diminuisce e i prezzi aumentano. In Italia il prezzo medio dell’Evo è passato rapidamente dai 5,70 euro al chilo di novembre ai 6,11 euro al chilo di febbraio.

La nuova PAC 2023 – 2027 ha previsto dei fondi per la filiera olivicola ma, viste le problematiche del settore tali interventi non sono sufficienti.

Una situazione difficile che vede da una parte i produttori a combattere tra produzione anticipata per via del meteo e Xylella e dall’altra i consumatori in difficoltà per colpa di aumenti record, legati non solo alle olive ma soprattutto ai nuovi costi energetici (+60%) e agli incrementi a monte della filiera del vetro.

Confeuro da sempre è vicina ai produttori del settore olivicolo-oleario ma riteniamo che la produzione vada tutelata maggiormente, proprio come accade per il vino che ha una capacità di produzione ed esportazione diversa. In Italia manca una filiera olearia organizzata e un’educazione alimentare e nutrizionistica.

Recentemente il Presidente del Consiglio Meloni ha proposto la creazione di un liceo del Made in Italy. Noi di Confeuro, vogliamo andare ancora oltre. Riteniamo che bisognerebbe inserire nelle scuole la materia di educazione alimentare per insegnare alle nuove generazioni a comprendere i valori nutrizionali degli alimenti e il loro corretto uso nella dieta quotidiana.