• Mer. Giu 26th, 2024

OMICRON 5 E L’OBBLIGO DELLE MASCHERINE CHE NON C’E’ PIU’

Giu 30, 2022

La scelta di togliere le mascherine sia negli ambienti chiusi, sia in quelli aperti, forse non si è rivelata  un’ottima idea.

I contagi stanno risalendo in tutta Italia, e nessuno, nemmeno i virologi, si aspettava che in estate con l’aumento delle temperature, il Covid-19 potesse rialzare la testa.

Trainato dalla variante Omicron 5, che gli studiosi classificano contagiosa come il morbillo, il virus non accenna a indietreggiare, nemmeno con temperature fino ai 40 gradi.

Complici i concerti con migliaia di persone ammassate, partite di calcio e tutte le altre attività che si svolgono in estate.

All’aria aperta si dovrebbe stare tranquilli sì, ma non è così se ci sono gli assembramenti.

E non solo. Sui mezzi pubblici, e parliamo di luoghi chiusi con scarsa ventilazione, si vedono persone comunque assembrate senza indossare la mascherina.

Le mascherine in questo caso sono state sempre e comunque consigliate. Ma nessuno, se non in pochi, accettano il consiglio del Ministero della Salute.

Si sta rilevando anche che molte persone positive ad Omicron 5 non lo denunciano alle ASL. Complice il tampone fai da te che si acquista ora anche nei supermercati e che si può fare tranquillamente a casa.

Così non tutti, pur sapendo di essere positivi, sono disposti a restare nelle proprie abitazioni ed escono comunque tranquillamente senza rendersi conto che potrebbero venire in contatto con persone fragili.

Gli esperti affermano che la nuova variante Omicron 5, non  è uguale a quella originaria di Wuhan, è meno forte e con una settimana si diventa negativi, i sintomi sono lievi per la maggior parte delle persone.

Ma dobbiamo ricordarci che non per tutti è così. Chi già sta lottando contro patologie gravi non reagisce allo stesso modo di una persona in buona salute.

Insomma, che ci si metta una mano sulla coscienza, e si faccia il sacrificio, almeno in presenza delle persone fragili, di indossare la mascherina.