• Mar. Giu 25th, 2024

PREZZI MATERIE PRIME ALIMENTARI 2023

Gen 18, 2024

L’INDICE FAO

L’indice FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura) misura le variazioni mensili dei prezzi internazionali di alcuni prodotti alimentari commercializzati a livello globale.

Per l’intero 2023, l’indice è stato inferiore del 13,7% rispetto al valore medio dell’anno precedente, con solo l’indice internazionale dei prezzi dello zucchero più alto nel periodo.

CEREALI

L’Indice FAO dei prezzi dei cereali è aumentato dell’1,5% da novembre, mentre i prezzi di grano, mais, riso e orzo sono aumentati, riflettendo in parte le interruzioni logistiche che hanno ostacolato le spedizioni dai principali paesi esportatori. Per l’anno nel suo insieme, l’indice è stato inferiore del 15,4% rispetto alla media del 2022.

OLIO VEGETALE

L’Indice FAO dei prezzi degli oli vegetali, al contrario, è diminuito dell’1,4% rispetto a novembre, riflettendo gli acquisti modesti di olio di palma, soia, colza e girasole, con l’olio di soia in particolare influenzato da un rallentamento della domanda da parte del settore del biodiesel e da un miglioramento condizioni meteorologiche nelle principali aree di coltivazione del Brasile. Per l’intero 2023, questo indice è stato inferiore del 32,7% rispetto al livello dell’anno precedente.

ZUCCHERO

L’Indice FAO dei prezzi dello zucchero è diminuito del 16,6% rispetto a novembre, toccando il minimo di nove mesi, sebbene sia ancora in aumento del 14,9% rispetto a dicembre 2022. Il crollo delle quotazioni dello zucchero è stato causato principalmente dal forte ritmo di produzione in Brasile, insieme al ridotto utilizzo di canna da zucchero per la produzione di etanolo in India.

CARNE

L’Indice FAO dei prezzi della carne è sceso dell’1,0% da novembre, raggiungendo un livello inferiore dell’1,8% rispetto a quello di dicembre 2022, influenzato dalla persistente debolezza della domanda di importazioni di carne suina dall’Asia. I prezzi della carne ovina sono invece aumentati prima delle festività.

In controtendenza, l’Indice FAO dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è aumentato dell’1,6% da novembre, pur rimanendo ancora inferiore del 16,1% rispetto al valore di dicembre 2022. L’aumento mensile è stato guidato da quotazioni di prezzo più elevate per burro e formaggio, sostenute da forti vendite interne in Europa occidentale in vista delle festività natalizie.

(Fonte FAO) https://www.fao.org/newsroom/detail/fao-food-price-index-declines-in-december/en

Immagine di aleksandarlittlewolf su Freepik