• Mer. Giu 26th, 2024

LE BANDIERE BLU 2024 PREMIANO LA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE

Mag 17, 2024

L’assegnazione delle Bandiere Blu per l’anno 2024 ha visto un incremento significativo nel numero di comuni italiani riconosciuti per la qualità delle loro spiagge, servizi e impegno per l’ambiente.

Con 236 comuni premiati, l’Italia dimostra un crescente impegno verso la sostenibilità e la tutela delle risorse naturali. La Liguria continua a guidare la classifica con nuove aggiunte, nonostante abbia perso alcune bandiere, mantenendo così un totale di 34 località. Seguono la Puglia e altre regioni che hanno visto crescere il numero delle loro spiagge premiate.

Quest’anno, 14 nuove località hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento, tra cui tre in Puglia e due in Sicilia, evidenziando una distribuzione geografica del premio che abbraccia l’intera penisola. Il Trentino Alto Adige ha aggiunto due nuove Bandiere, portando a 23 il totale per i laghi italiani. In totale, le spiagge che sventoleranno la Bandiera Blu quest’estate sono 485, rappresentando circa l’11% delle spiagge premiate a livello mondiale.

I criteri per l’assegnazione della Bandiera Blu sono dettagliati e mirano a promuovere lo sviluppo sostenibile nelle aree costiere e di acque interne. Foto di Eszter Miller da Pixabay

Questi risultati riflettono un trend di crescita costante e una maggiore consapevolezza ambientale tra i cittadini, che sono i veri protagonisti di questo cambiamento positivo.

Ogni comune con la Bandiera Blu sa che una gestione virtuosa del territorio passa anche dalla formazione e dal coinvolgimento dei singoli, delle scuole, delle associazioni e delle attività locali. La cerimonia di assegnazione delle Bandiere Blu è un evento che non solo celebra le eccellenze italiane, ma anche incoraggia altre località a perseguire standard elevati per l’ambiente e il turismo sostenibile.

I criteri per l’assegnazione della Bandiera Blu sono dettagliati e mirano a promuovere lo sviluppo sostenibile nelle aree costiere e di acque interne. Per ottenere questo riconoscimento, un approdo turistico deve soddisfare una serie di requisiti imperativi, che sono obbligatori, e altri consigliati, che sono fortemente suggeriti. Tra i criteri imperativi vi sono la qualità delle acque di balneazione, che deve essere eccellente, la presenza di adeguati servizi di soccorso e sicurezza, una gestione ambientale efficace e iniziative di educazione ambientale. Inoltre, è necessario che ci sia una buona gestione dei rifiuti e delle acque reflue, servizi igienici adeguati e accessibili, e che vengano promosse attività per la sostenibilità ambientale.

I criteri guida, invece, includono aspetti come la presenza di infrastrutture per il turismo sostenibile e la promozione di mezzi di trasporto ecologici. È importante notare che i criteri possono variare leggermente in base alla regione geografica e che i programmi nazionali possono scegliere di adottare requisiti più stringenti.

Foto di Luisella Planeta LOVE PEACE 💛💙 da Pixabay