• Ven. Giu 21st, 2024

LE STUFE A BIOMASSA: RISPARMIO ED ENERGIA PULITA

Ott 20, 2022

Nonostante le temperature oltre la media che caratterizzano queste giornate di ottobre inoltrato, in molti stanno già pensando a come affrontare il freddo invernale, tenuto conto delle restrizioni già note sull’utilizzo dei termosifoni e sui rincari del gas.

Per questo motivo le famiglie italiane sarebbero più sollevate se trovassero dei sistemi di riscaldamento che possano sostituire le tradizionali caldaie a gas.

Tra i sistemi di riscaldamento più noti ed impiegati negli ultimi anni troviamo le stufe a pellet. Purtroppo però anche il pellet quest’anno ha subito un rincaro del 50%. Lo scorso anno il costo di un sacco di pellet di 15 Kg si aggirava intorno ai 5€ oggi invece costa 10€. La ragione di questo rincaro è da attribuire alla carenza di materiale sul mercato sempre a causa del conflitto.

Il pellet quest’anno ha subito un rincaro del 50%.

Ovviamente sono tanti quelli che stanno cominciando a prendere in considerazione altre fonti di riscaldamento per non arrivare impreparati alla stagione invernale.

Ma esistono effettivamente delle alternative migliori e allo stesso tempo più economiche?

Una delle alternative più valide sembra essere quella di installare stufe che sono in grado di bruciare qualsiasi tipo di biomassa.

La biomassa è di origine organica ed è utile a produrre energia. Ne esistono di vario tipo che vengono utilizzati per il riscaldamento, tra i più noti troviamo: nocciolino di sansa, mais, gusci di frutta secca tritati e cippatino di legno.

Le caldaie a biomassa rappresentano una scelta ecologica, una fonte pulita e rinnovabile. La biomassa che viene bruciata favorisce l’immissione di anidride carbonica nell’atmosfera simile a quella che si verifica in natura.

Oltre ad essere energia pulita, garantisce un notevole risparmio sui costi e l’istallazione dà diritto a vantaggiosi incentivi e detrazioni fiscali.