• Mer. Giu 26th, 2024

QUOTA 100 IN SCADENZA: LE IPOTESI AL VAGLIO PER SOSTITUIRLA

Ott 22, 2021

Quota 100 ha raggiunto la sua destinazione finale, Il 31 dicembre prossimo non sarà più in vigore. Si chiamerà quota 102 la nuova proposta del Governo, da inserire nella prossima manovra finanziaria.

I requisiti della nuova ipotesi di proposta saranno: pensione anticipata a 64 anni di età con 38 anni di contributi. Si è alzata quindi di due anni l’età pensionabile rispetto a quota 100.

Nel 2022, probabilmente, saranno queste le modalità per i tanti pensionati che anelano ad appendere il cappello al chiodo, la quota 102, se confermata, sarebbe valida fino al 2023 e, secondo le stime, dovrebbe consentire l’uscita anticipata a circa 50mila persone ogni anno.

La quota 102, per pensione anticipata, a 64 anni di età e con 38 anni di contributi,  sarà comunque una misura sperimentale solo per il 2022 che – secondo le ipotesi – dovrebbe essere sostituita nel 2023 con la Quota 104, che a fronte di 38 anni di contributi, richiede 66 anni di età.

C’è comunque pressione per addolcire l’amara pillola: “graduale ed equilibrato passaggio verso il regime ordinario” – è ciò che si legge nella nota di Palazzo Chigi per il varo del Documento programmatico di bilancio.

I Sindacati fanno però sentire il loro malcontento, lo spauracchio della Legge Fornero, sembra uscire dall’ombra, pronto a fare nuovamente paura a quei lavoratori che, prossimi alla pensione, scrutano l’orizzonte in attesa di intravedere il tanto agognato traguardo.

A rischio di eliminazione – ancora non confermata – l’”Opzione Donna”, mentre l’Ape Sociale dovrebbe continuare a sussistere; avendo un ruolo che assomiglia a quello di “ammortizzatore sociale” ha più probabilità di restare in piedi.