• Gio. Lug 18th, 2024

LAVORO IN MONTAGNA: AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE FEMMINILI

Mag 15, 2023

Domande al via dal 30 maggio 2023 per tutte quelle imprese guidate da donne che sviluppino la loro attività nei comuni montani. A patto però che i progetti siano ad alto contenuto tecnologico e innovativo.

Il Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie (DARA) della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato un avviso dal nome: “Imprese femminili innovative montane – IFIM”.

Si parla di 3,9 milioni di euro, questo è l’importo delle risorse finanziarie rese disponibili, a valere sul Fondo per lo Sviluppo delle Montagne Italiane.

Le spese ammesse all’agevolazione sono state rese pubbliche nell’avviso del 05.05.2023 e gli incentivi possono essere richiesti per l’acquisto di:

  • impianti, macchinari e attrezzature tecnologici
  • hardware e software
  • brevetti e licenze
  • certificazioni purché direttamente correlate alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa e legate al programma d’investimento presentato
  • consulenze specialistiche tecnologiche nella misura massima del 20% del totale delle spese di cui ai punti precedenti.

Il Programma d’investimento deve essere:

  • mirato allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni caratterizzati da un significativo contenuto tecnologico e innovativo, e/o
  • finalizzato alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca

Il Programma d’investimento:

  • deve presentare spese non superiori a 100.000 euro
  • deve essere avviato successivamente alla presentazione della domanda
  • deve essere realizzato entro 18 mesi dalla data del provvedimento di ammissione alle agevolazioni

Le agevolazioni messe in campo a favore delle imprese femminili innovative montane, rientrano in un contributo a fondo perduto:

  • per un importo non superiore al 70% delle spese ammissibili e 
  • per un importo massimo pari a 70.000,00 euro, ai sensi e nei limiti previsti dal Regolamento de minimis n.1407/2013.

Per verificare le caratteristiche e tutte le modalità per inviare le domande si rimanda al sito Invitalia